È ancora presto per sentire parlare di agende e calendari che banche, assicurazioni o aziende regalano ai propri clienti. Bisognerà attendere gli ultimi mesi del 2017.
Molti crederanno che ormai nessuno le usa più, che sono prodotti vecchi e che non hanno alcuna utilità eppure il cartaceo resiste anche nell’era del digitale.
Calendari nei cellulari, app di promemoria, block note virtuali e altri strumenti digitali non riusciranno mai a soppiantare la vecchia agenda cartacea e infatti negli ultimi anni la vendita di agende cartacee è aumentata.
Non credi?! Ecco 4 punti che vi faranno cambiare idea.

Punto 1. Ritorno del vintage ed ecco che troviamo mercati di oggetti usati in quasi tutti i paesi: dischi in vinile per tornare a quel suono “sporco” ma caldo e coinvolgente della puntina del giradischi, VHS con pellicole in cellulosa e molto altro. In poche parole l’agenda e quel suo lato che richiama al passato è ancora di moda: l’odore della carta, dell’inchiostro, quel senso di solidità e sicurezza che solo un’agenda può dare piace ancora.

Punto 2. Ci da un senso di sicurezza: quello scritto sull’agenda di carta è per sempre, rimane, ci permette di organizzare il tempo e le giornate. Da sempre siamo stati abituati così, pensa al diario scolastico. Chi non ha mai avuto nostalgia di quel diario dove c‘era scritto di tutto: compiti in piccola parte, dediche, frasi, disegni, immagini e quant’altro. L’agenda di carta si fa toccare e conservare. Ci permette di ricordare e ricostruire quello che abbiamo fatto e se pensi che oggi tutto è fugace e in rapida evoluzione ciò che ci permette di mantenere una memoria storica affascina.

Punto 3. È intima e personale. Molto probabilmente queste due sue caratteristiche derivano dal fatto che, al contrario di supporti digitali, le agende cartacee, sono molto meno invasive. Ricevere la notifica ogni mattina con la lista delle cose da fare potrebbe dare un senso di oppressione. Inoltre la paura di perdere il cellulare, di romperlo di farselo rubare con conseguente perdita di appuntamenti e priorità spaventa e non poco. Così l’agenda diventa un qualcosa di più intimo, personale e quasi imprescindibile. Un’agenda giornaliera con la copertina rigida con il segna pagina che determina l’inesorabile scorrere del tempo sopravvive alla grande all’evoluzione digitale.

Punto 4. Aiuta la memoria e la capacità di ragionamento. È scientificamente dimostrato che scrivere con carta e penna mantiene la mente allenata e facilita la memorizzazione. Al contrario, chi utilizza esclusivamente supporti digitali ha più difficoltà a individuare a selezionare gli argomenti più importanti con conseguente scarsa capacità nel gestire priorità e livelli di importanza.

Date questi 4 punti è lecito pensare che, con gran difficoltà, la buona agenda di carta verrà mandata in pensione. Al contrario, come dimostrato dalle vendite, ci sarà sempre più un ritorno al cartaceo. Non c’è paragone tra le emozioni di toccare, scrivere, scarabocchiare, cancellare su carte rispetto a un monitor digitale.

Cosa aspetti a prenotare la tua? Ricorda che le nostre sono personalizzate e soprattutto a costo zero! Contattaci, soddisferemo ogni tua esigenza.